fbpx

Energia green: cosa potrebbe accadere entro il 2050

Green alternative eco friendly energy. Windmill turbines landscapes

L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di azzerare le emissioni di gas serra entro il 2050. L’intento è anche quello di portare l’energia eolica e quella solare a diventare le fonti principali di energia, sostituendo i combustibili fossili come carbone, petrolio e gas. Anche l’Italia potrebbe raggiungere il 100% per quanto riguarda l’utilizzo di energia green entro il 2050. Chiaramente, questo avverrà solo se ci impegneremo a investire nel nostro futuro attraverso l’installazione di generatori eolici, pannelli fotovoltaici e impianti idroelettrici.

Energie alternative per ridurre le emissioni di CO2

Le fonti di energia green ci aiutano e ci aiuteranno ad abbassare i livelli di anidride carbonica nell’atmosfera. Ci permetteranno altresì di ridurre le emissioni di biossido di carbonio che stanno provocando un preoccupante aumento della temperatura media nel nostro Pianeta. Scioglimento dei ghiacciai, alluvioni, siccità e incendi sono solo alcuni degli effetti dannosi che il cambiamento climatico sta producendo. Le energie rinnovabili ci permetteranno di ridurre progressivamente l’impatto ambientale dovuto all’emissione di CO2 e all’utilizzo smodato di fonti di energia inquinanti.

La previsione dei ricercatori del CNR

Secondo i ricercatori del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), entro il 2050, l’Italia dovrebbe riuscire a soddisfare l’intero fabbisogno di energia elettrica utilizzando solo le energie rinnovabili. Pertanto, le previsioni affermano che l’energia fotovoltaica, l’eolica e la idroelettrica saranno le protagoniste, grazie ai nuovi stabilimenti e impianti che sorgeranno lungo tutto lo stivale.

Gli interventi da realizzare in tutto il territorio nazionale richiederanno un investimento non indifferente. Questo, però, ci permetterà di cominciare a tracciare una rotta verso un futuro sostenibile per noi e per i nostri figli. Si potranno altresì risparmiare circa 600 miliardi per l’acquisto di combustibili fossili e creare circa 800.000 nuovi posti di lavoro. L’energia green è parte anche dei nostri progetti per il futuro ed è giusto che sia così!